Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Farmaexplorer.it

Vemurafenib per malattia di Erdheim-Chester BRAF V600-mutato e istiocitosi a cellule di Langerhans


Le neoplasie istiocitiche come la malattia di Erdheim-Chester ( ECD ) e l’istiocitosi a cellule di Langerhans ( LCH ) sono ricche di mutazioni BRAF V600 e hanno dimostrato precedentemente di rispondere al trattamento con Vemurafenib ( Zelboraf ), un inibitore della chinasi di BRAF V600.

Tuttavia, l'efficacia a lungo termine e la sicurezza dell'uso prolungato di Vemurafenib in questi pazienti non sono definite.
Sono stati analizzati i dati di efficacia e sicurezza per Vemurafenib in pazienti con malattia di Erdheim-Chester e istiocitosi a cellule di Langerhans arruolati nello studio VE-BASKET.

Lo studio VE-BASKET era uno studio in aperto, non-randomizzato, multicoorte per pazienti con tumori non-melanoma che ospitavano la mutazione BRAF V600.

I pazienti con malattia di Erdheim-Chester o istiocitosi a cellule di Langerhans BRAF V600-mutato sono stati arruolati in una coorte definita con altro tumore solido dello studio VE-BASKET e sono stati arruolati nel presente studio.
I pazienti hanno ricevuto Vemurafenib, 960 mg, due volte al giorno in modo continuativo fino a progressione della malattia, al ritiro dallo studio o al verificarsi di effetti avversi intollerabili.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato dai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), la risposta metabolica mediante tomografia a emissione di positroni ( PET ) modificata secondo i criteri di risposta nei tumori solidi ( PERCIST ) usando 18F-fluorodesossiglucosio (FDG)-PET / tomografia computerizzata ( CT ), e la sicurezza.

In totale 26 pazienti ( 22 con malattia di Erdheim-Chester, 4 con istiocitosi a cellule di Langerhans) sono stati inclusi nello studio ( 14 donne e 12 uomini, età media 61 anni, fascia d'età, 51-74 anni ).

Il tasso di risposta obiettiva confermato è stato pari a 61.5% nella coorte globale e a 54.5% nei pazienti con malattia di Erdheim-Chester.

Tutti i pazienti valutabili hanno raggiunto una malattia stabile o un risultato migliore.

La sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale mediana non sono state raggiunte nella coorte globale alla chiusura dello studio nonostante un follow-up mediano di 28.8 mesi; la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stata dell'86% e la sopravvivenza globale a 2 anni è stata del 96%.
Tutti e 15 i pazienti valutati con FDG-PET / CT hanno raggiunto una risposta metabolica, compresi 12 pazienti ( 80% ) con una risposta metabolica completa.

Gli eventi avversi più comuni nella coorte complessiva comprendevano artralgia, rash maculopapulare, affaticamento, alopecia, prolungamento dell'intervallo QT, papilloma cutaneo, e ipercheratosi.
L'ipertensione e gli eventi dermatologici si sono verificati a tassi più elevati rispetto a quelli riportati nel melanoma metastatico.

In conclusione, Vemurafenib ha presentato una efficacia prolungata nei pazienti con malattia di Erdheim-Chester e istiocitosi a cellule di Langerhans BRAF V600-mutato, e merita considerazione come nuovo standard di cura per questi pazienti. ( Xagena2018 )

Diamond EL et al, JAMA Oncol 2018; 4: 384-388

MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro