Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Onco News

Terapia con Burosumab nei bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X


L'ipofosfatemia legata al cromosoma X è caratterizzata da un aumento della secrezione del fattore di crescita dei fibroblasti 23 ( FGF-23 ), che porta a ipofosfatemia e conseguentemente rachitismo, osteomalacia e deformità scheletriche.

È stato studiato Burosumab ( Crysvita ), un anticorpo monoclonale che ha come target FGF-23, in pazienti con ipofosfatemia legata al cromosoma X.

In uno studio di fase 2 in aperto, sono stati randomizzati 52 bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X per ricevere Burosumab sottocutaneo ogni 2 settimane o ogni 4 settimane; la dose è stata aggiustata per raggiungere un livello sierico di fosforo all'estremità inferiore dell'intervallo normale.

L'endpoint primario era il cambiamento dal basale alle settimane 40 e 64 nel punteggio totale di gravità del rachitismo di Thacher ( compreso tra 0 e 10, con punteggi più alti che indicano una maggiore gravità della malattia ).
Inoltre, la scala RGI-C ( Radiographic Global Impression of Change ) è stata utilizzata per valutare i cambiamenti rachitici dal basale alla settimana 40 e alla settimana 64.
Altri endpoint erano i cambiamenti nei marcatori farmacodinamici, crescita lineare, abilità fisiche e risultati riferiti dal paziente e l'incidenza di eventi avversi.

Il punteggio medio di gravità del rachitismo di Thacher è diminuito da 1.9 al basale a 0.8 alla settimana 40 con dosaggio ogni 2 settimane e da 1.7 al basale a 1.1 alla settimana 40 con dosaggio ogni 4 settimane ( P minore di 0.001 per entrambi i confronti ); questi miglioramenti persistevano alla settimana 64.
Il livello medio di fosforo sierico è aumentato dopo la prima dose in entrambi i gruppi e più della metà dei pazienti in entrambi i gruppi ha presentato livelli nell'intervallo normale ( da 3.2 a 6.1 mg per decilitro ) entro la settimana 6.

Livelli sierici stabili di fosforo sono stati mantenuti fino alla settimana 64 con una somministrazione ogni 2 settimane.
Il riassorbimento del fosfato tubulare renale è aumentato dal basale in entrambi i gruppi, con un aumento medio complessivo di 0.98 mg per decilitro ( 0.32 mmol per litro ).

La dose media di Burosumab alla settimana 40 è stata di 0.98 mg per chilogrammo di peso corporeo con dosaggio ogni 2 settimane e 1.50 mg per chilogrammo con dosaggio ogni 4 settimane.

In entrambi i gruppi, il livello medio sierico di fosfatasi alcalina è diminuito da 459 U ( unità ) per litro al basale a 369 U per litro alla settimana 64.

Il punteggio z medio è aumentato in entrambi i gruppi, con un miglioramento maggiore in tutti i momenti temporali con dosaggio a 2 settimane ( un aumento rispetto al basale di 0.19 alla settimana 64 ) rispetto alla somministrazione ogni 4 settimane ( un aumento rispetto al basale di 0.12 alla settimana 64 ).

L'abilità fisica è migliorata e il dolore diminuito. Quasi tutti gli eventi avversi sono stati di gravità lieve o moderata.

In conclusione, nei bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X, il trattamento con Burosumab ha migliorato il riassorbimento del fosfato tubulare renale, i livelli sierici di fosforo, la crescita lineare e la funzione fisica e ha ridotto il dolore e la gravità del rachitismo. ( Xagena2018 )

Carpenter TO et al, N Engl J Med 2018; 378: 1987-1998

MalRar2018 Med2018 Endo2018 Farma2018


Indietro