Forum Infettivologico
Vertigini
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite

Sutimlimab nella malattia da agglutinine fredde


La malattia da agglutinine fredde è una rara anemia emolitica autoimmune caratterizzata da emolisi causata dall'attivazione della via classica del complemento.
Sutimlimab, un anticorpo monoclonale umanizzato, colpisce selettivamente la proteina C1s, una serina proteasi del complesso C1 responsabile dell'attivazione di questa via.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, a singolo gruppo di 26 settimane per valutare l'efficacia e la sicurezza di Sutimlimab per via endovenosa in pazienti con malattia da agglutinine fredde e una storia recente di trasfusione.

L'endpoint primario composito era una normalizzazione del livello di emoglobina a 12 g o più per decilitro o un aumento del livello di emoglobina di 2 g o più per decilitro rispetto al basale, senza trasfusione di globuli rossi o farmaci proibiti dal protocollo.

In totale 24 pazienti sono stati arruolati e hanno ricevuto almeno una dose di Sutimlimab; 13 pazienti ( 54% ) hanno soddisfatto i criteri per l'endpoint primario composito.

L'aumento medio dei minimi quadrati del livello di emoglobina è stato di 2.6 g per decilitro al momento della valutazione del trattamento ( settimane 23, 25 e 26 ).
Un livello medio di emoglobina superiore a 11 g per decilitro è stato mantenuto nei pazienti dalla settimana 3 fino alla fine del periodo di studio.

I livelli medi di bilirubina si sono normalizzati entro la settimana 3. In totale 17 pazienti ( 71% ) non hanno ricevuto una trasfusione dalla settimana 5 alla settimana 26.
Riduzioni clinicamente significative della fatica sono state osservate entro la settimana 1 e sono state mantenute per tutto lo studio.

L'attività nella via classica del complemento è stata rapidamente inibita, come valutato da un saggio funzionale.
L’aumento dei livelli di emoglobina, la riduzione dei livelli di bilirubina, e la riduzione dell'affaticamento hanno coinciso con l'inibizione della via classica del complemento.

Almeno un evento avverso si è verificato durante il periodo di trattamento in 22 pazienti ( 92% ).
7 pazienti ( 29% ) hanno presentato almeno un evento avverso grave, nessuno dei quali è stato considerato correlato a Sutimlimab.
Non si sono verificate infezioni da meningococco.

Nei pazienti con malattia da agglutinine fredde che hanno ricevuto Sutimlimab, l'inibizione selettiva dell'attività a monte nella via classica del complemento ha rapidamente arrestato l'emolisi, aumentato i livelli di emoglobina e ridotto l'affaticamento. ( Xagena2021 )

Röth A et al, N Engl J Med 2021; 384: 1323-1334

Emo2021 MalRar2021 Med2021 Farma2021


Indietro