Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Sicurezza ed efficacia del Tamoxifene nei ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne: studio TAMDMD


Il riutilizzo di farmaci già approvati per curare malattie diverse da quelle per cui erano stati creati potrebbe fornire nuove opzioni terapeutiche per la distrofia muscolare di Duchenne.

Poiché il Tamoxifene, un regolatore del recettore degli estrogeni, ha ridotto i segni di patologia muscolare in un modello murino di distrofia muscolare di Duchenne, sono state valutate la sicurezza e l'efficacia del Tamoxifene negli esseri umani in aggiunta alla terapia con corticosteroidi per un periodo di 48 settimane.

È stato condotto uno studio di fase 3 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, presso 12 Centri di studio in 7 Paesi europei. Sono stati arruolati ragazzi ambulanti di età compresa tra 6.5 ​​e 12.0 anni con una diagnosi geneticamente confermata di distrofia muscolare di Duchenne che erano in trattamento stabile con corticosteroidi da più di 6 mesi.

I criteri di esclusione includevano disturbi oftalmologici, inclusa la cataratta, e disturbi ematologici.
Sono stati assegnati in modo casuale i partecipanti a 20 mg di Tamoxifene per via orale al giorno o a placebo abbinato, stratificando per Centro e assunzione di corticosteroidi.

I partecipanti, gli operatori sanitari e i ricercatori non erano a conoscenza delle assegnazioni del trattamento.
Il Tamoxifene è stato assunto in aggiunta alla terapia standard con corticosteroidi e i partecipanti hanno partecipato a visite di studio per esami ogni 12 settimane.

L'esito primario di efficacia era la variazione dal basale alla settimana 48 dei punteggi nel dominio D1 della Motor Function Measure nella popolazione intention-to-treat ( definita come tutti i pazienti che soddisfacevano i criteri di inclusione e avevano iniziato il trattamento ).

Nel periodo 2018-2020, 95 ragazzi sono stati selezionati per l’inclusione e 82 hanno soddisfatto i criteri e sono stati inizialmente arruolati nello studio.

Tre ragazzi sono stati esclusi dopo lo screening iniziale a causa della diagnosi di cataratta o della revoca del consenso subito dopo lo screening, ma prima della randomizzazione. Un altro ragazzo assegnato al gruppo placebo non ha iniziato il trattamento.

Pertanto, 40 individui assegnati al Tamoxifene e 38 assegnati al placebo sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

L'esito primario di efficacia non differiva significativamente tra Tamoxifene ( -3.05% ) e placebo ( -6.15%; differenza 2.90%, P=0.33 ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in due partecipanti: un partecipante che ha ricevuto Tamoxifene ha avuto una caduta e uno che ha ricevuto placebo ha avuto un attacco di panico.

Non si sono verificati decessi o eventi avversi gravi potenzialmente letali. Le infezioni virali sono stati gli eventi avversi più comuni.

Il Tamoxifene si è rivelato sicuro e ben tollerato, ma non è stata segnalata alcuna differenza tra i gruppi per quanto riguarda l'endpoint primario di efficacia.

Una progressione più lenta della malattia, definita dalla perdita della funzione motoria nel tempo, è stata indicata nel gruppo Tamoxifene rispetto al gruppo placebo, ma le differenze nelle misure di esito non erano né clinicamente né statisticamente significative.

Attualmente, non si può raccomandare l’uso del Tamoxifene nella pratica clinica quotidiana come opzione terapeutica per i ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne a causa di prove cliniche insufficienti. ( Xagena2023 )

Henzi BC et al, Lancet Neurology 2023; 22: 890-899

Neuro2023 MalRar2023 Med2023 Farma2023



Indietro