Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Gastrobase.it

Risposte cliniche e radiologiche alla Cladribina per il trattamento della malattia di Erdheim-Chester


Sebbene la Cladribina ( Litak ) sia meglio conosciuta per il trattamento della leucemia a cellule capellute e altri tumori linfoidi, ha anche attività contro le neoplasie mieloidi, come la malattia di Erdheim-Chester ( ECD ).

È stata valutata l'efficacia della Cladribina ( 2-cloro-2'-deossiadenosina ) nel trattamento della malattia di Erdheim-Chester mediante una revisione retrospettiva di cartelle cliniche dal 1998 al 2016, presso un Centro medico accademico.
In tutti i casi eleggibili, la diagnosi di malattia di Erdheim-Chester è stata effettuata utilizzando criteri clinici congiuntamente a reperti istopatologici.

I pazienti erano stati esposti a terapia con Cladribina nel trattamento di prima linea o successiva. Sono stati utilizzati due criteri di risposta, clinico e radiologico.
Per la risposta clinica, sono stati utilizzati i seguenti criteri: risposta completa ( risoluzione completa dei sintomi attribuiti alla malattia ), risposta parziale ( risoluzione parziale dei sintomi attribuiti alla malattia ), malattia stabile ( nessun cambiamento nei sintomi attribuiti alla malattia ) e malattia progressiva ( peggioramento dei sintomi attribuiti alla malattia ).

Per la risposta radiologica sono state utilizzate le seguenti categorie: risposta completa ( risoluzione completa della lesione accertata o sospetta causata dalla malattia ), risposta parziale ( risoluzione parziale della lesione accertata o sospetta causata dalla malattia ), malattia stabile ( nessun cambiamento significativo nella lesione accertata o sospetta causata dalla malattia per 3 mesi e oltre ) e malattia progressiva ( progressione o peggioramento di una lesione accertata o sospetta causata dalla malattia ).

Sono stati identificati in totale 63 pazienti adulti con malattia di Erdheim-Chester confermata
La loro età mediana alla diagnosi di malattia di Erdheim-Chester era di 54 anni ( fascia di età, 18-80 anni ) e il 67% ( 42 su 63 ) era di sesso maschile.

La Cladribina era l'agente chemioterapico più comunemente usato ed è stata somministrata in 21 su 63 pazienti ( 33% ).

La loro età media al momento della terapia con Cladribina era di 62 anni ( fascia di età, 40-78 anni ).

La Cladribina è stata utilizzata come trattamento di prima linea in 9 pazienti e come trattamento di ultima linea nei restanti 12 pazienti.

Il numero mediano di cicli di Cladribina somministrati è stato pari a 2.5.

Il tasso di risposta clinica globale è stato del 52% ( 9 su 17 ) ( 6%, 1 su 17, risposta completa e 46%, 8 su 17, risposta parziale ), con il 18% ( 3 su 17 ) di malattia stabile e il 30% ( 5 su 17 ) di malattia progressiva.

Tra i pazienti che hanno risposto alla terapia con Cladribina, la durata mediana della risposta clinica è stata di 9 mesi, con risposta in corso in 2 pazienti.

Il tasso di risposta radiologica complessivo è stato del 54% ( 8 su 15 ) ( tutte risposte parziali ), con il 26% ( 4 su 15 ) di malattia stabile e il 20% ( 2 su 15 ) di malattia progressiva.

Gli effetti avversi correlati al trattamento hanno incluso due complicanze infettive ( polmonite e infezione della linea centrale, entrambe hanno richiesto ospedalizzazione ) e due effetti avversi ematologici ( neutropenia di grado 4 e trombocitopenia e neutropenia di grado 3, entrambi hanno richiesto interruzione della terapia ).

In conclusione, la Cladribina ha una moderata efficacia clinica nel trattamento della malattia di Erdheim-Chester e può essere considerata una opzione di trattamento nei casi senza la mutazione BRAF V600E. 
Generalmente è ben tollerata e può dare una risposta duratura. ( Xagena2017 )

Goyal G et al, JAMA Oncol 2017; 3: 1253-1256

Onco2017 Emo2017 MalRar2017 Med2017 Farma2017


Indietro