Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Mediexplorer.it

Pazopanib nei pazienti con malattia di von Hippel-Lindau


Non esiste una terapia sistemica approvata per la malattia di von Hippel-Lindau, una malattia autosomica dominante con manifestazioni di organi pleiotropici che includono carcinomi a cellule renali a cellule chiare; emangioblastoma retinico, cerebellare e spinale; feocromocitomi; cistoadenomi sierosi pancreatici; e tumori neuroendocrini pancreatici.

E' stata valutata l'attività e la sicurezza di Pazopanib ( Votrient ) nei pazienti con malattia di von Hippel-Lindau.

In uno studio non-randomizzato, monocentrico, in aperto, di fase 2, pazienti adulti con manifestazioni cliniche della malattia di von Hippel-Lindau sono stati reclutati presso University of Texas MD Anderson Cancer Center ( Houston, TX, USA ) e sono stati trattati con Pazopanib ( 800 mg per os ogni giorno ) per 24 settimane, con una opzione per continuare il trattamento se desiderato dal paziente e dal medico curante.

Gli endpoint primari erano la proporzione di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva e la sicurezza nella popolazione per protocollo.
La risposta obiettiva è stata misurata per ciascun paziente e ciascun tipo di lesione.
Le valutazioni radiografiche sono state fatte al basale e ogni 12 settimane durante lo studio.

Tra il 2012 e il 2016, sono stati esaminati 37 pazienti con caratteristiche cliniche compatibili con la malattia di von Hippel-Lindau o malattia geneticamente confermata, di cui 31 pazienti eleggibili sono stati trattati con Pazopanib.

La percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva è stata del 42% ( 13 pazienti su 31 ).

Risposte ai siti di lesione sono state osservate in 31 su 59 carcinomi a cellule renali ( 52% ), 9 su 17 lesioni pancreatiche ( 53% ) e 2 su 49 emangioblastomi del sistema nervoso centrale ( CNS ) ( 4% ).

7 pazienti su 31 ( 23% ) hanno scelto di rimanere in trattamento dopo 24 settimane.

4 pazienti su 31 ( 13% ) si sono ritirati dallo studio a causa di transaminite di grado 3 o 4 e 3 ( 10% ) hanno interrotto il trattamento a causa dell'intolleranza al trattamento con più tossicità intercorrenti di grado 1-2.

Gli eventi avversi gravi correlati al trattamento hanno incluso un caso ciascuno di appendicite e gastrite e un paziente ha presentato un sanguinamento cerebrale a esito fatale.

Pazopanib è stato associato a una incoraggiante attività preliminare nella malattia di von Hippel-Lindau, con un profilo di effetti collaterali coerente con quello osservato negli studi precedenti.
Pazopanib potrebbe essere considerato una scelta terapeutica per i pazienti con malattia di von Hippel-Lindau e lesioni in crescita, o per ridurre le dimensioni delle lesioni non-resecabili in questi pazienti.
La sicurezza e l'attività di Pazopanib in questo contesto richiedono ulteriori indagini. ( Xagena2018 )

Jonasch E et al, Lancet Oncol 2018; 19: 1351-1359

Onco2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro