Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Gastrobase.it

Nilotinib nella sinovite villonodulare pigmentosa localmente avanzata 


La sinovite villonodulare pigmentosa, nota anche come tumore a cellule giganti di tipo diffuso, è un tumore raro, localmente aggressivo, guidato da una traslocazione specifica con conseguente sovraespressione del fattore 1 stimolante le colonie ( CSF1 ).
Gli inibitori del recettore CSF1 ( CSF1R ), cioè inibitori della tirosin-chinasi e anticorpi, inducono una risposta nei pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa.

Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di un inibitore della tirosin-chinasi CSF1R, Nilotinib ( Tasigna ), nei pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa localmente avanzata non-resecabile.

In uno studio di fase 2, in aperto, a braccio singolo, sono stati arruolati pazienti da 11 Centri oncologici in 4 Paesi ( Francia, Paesi Bassi, Italia e Australia ).
I pazienti eleggibili avevano un'età di almeno 18 anni con uno stato di performance WHO di 2 o meno e sinovite villonodulare pigmentosa progressiva o recidivante istologicamente confermata che era inoperabile o resecabile solo con la chirurgia mutilante.

I pazienti hanno ricevuto Nilotinib per via orale 400 mg due volte al giorno fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o completamento di 1 anno di trattamento.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti che erano liberi da progressione a 12 settimane, in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.

Tra il 2010 e il 2012, sono stati arruolati 56 pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa e sono stati trattati con Nilotinib.
5 pazienti ( 9% ) hanno interrotto il trattamento in studio prima della settimana 12; pertanto, 51 pazienti erano valutabili per l'endpoint primario a 12 settimane.

La percentuale stimata di pazienti che erano liberi da progressione a 12 settimane è stata del 92.6%.

54 pazienti su 56 ( 96% ) hanno presentato un evento avverso correlato al trattamento.
6 pazienti su 56 ( 11% ) hanno presentato almeno un evento avverso correlato al trattamento di grado 3 ( cefalea, vertigini e disturbi epatici n=1; prurito e toxidermia n=1; diarrea n=1; aumento della concentrazione di gamma-glutamiltransferasi n=1; anoressia n=1; aumento del mal di testa n=1 ).

Non sono stati segnalati eventi avversi di grado 4 o 5. Un paziente ha avuto un evento avverso grave correlato al trattamento ( tossidermia ) e 2 pazienti hanno manifestato eventi avversi gravi non considerati correlati al farmaco in studio ( tumore all'ovaio borderline n=1, ed escissione di cisti pilonidale n=1 ).

Più del 90% dei pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa localmente avanzata non-operabile progressiva ha raggiunto il controllo della malattia con 12 settimane di trattamento con Nilotinib.
Questi risultati hanno indicato che gli inibitori della tirosin-chinasi CSF1R hanno attività anti-tumorale con tossicità gestibile in pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa progressiva non-operabile.
Sono giustificati studi randomizzati per indagare l'efficacia di Nilotinib nei pazienti con sinovite villonodulare pigmentosa non-resecabile. ( Xagena2018 )

Gelderblom H et al, Lancet Oncol 2018; 19: 639-648

Onco2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro