Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Gastrobase.it

Mogamulizumab, un anticorpo anti-CCR4, nella mielopatia associata a HTLV-1


Il virus T-linfotropico umano di tipo 1 ( HTLV-1 ) causa la malattia debilitante neuroinfiammatoria mielopatia - paraparesi spastica tropicale HTLV-1-associata ( HAM-TSP ), così come leucemia - linfoma dell'adulto a cellule T ( ATLL ).

Nei pazienti con HAM-TSP, HTLV-1 infetta principalmente le cellule T CCR4+ e induce cambiamenti funzionali, causando in ultima analisi l'infiammazione cronica del midollo spinale.

È stato valutato Mogamulizumab ( Poteligeo ) un anticorpo monoclonale anti-CCR4 umanizzato che colpisce le cellule infette, in pazienti con HAM-TSP.

In uno studio di fase 1-2a non-controllato, Sono state valutate la sicurezza, la farmacocinetica e l'efficacia di Mogamulizumab in pazienti con HAM-TSP refrattaria ai glucocorticoidi.
Nello studio di fase 1 di aumento della dose, 21 pazienti hanno ricevuto una singola infusione di Mogamulizumab ( a dosi di 0.003 mg per chilogrammo di peso corporeo, 0.01 mg per chilogrammo, 0.03 mg per chilogrammo, 0.1 mg per chilogrammo o 0.3 mg per chilogrammo ) e sono stati osservati per 85 giorni.

Di questi pazienti, 19 hanno continuato nello studio di fase 2a a ricevere infusioni, per un periodo di 24 settimane, di 0.003 mg per chilogrammo, 0.01 mg per chilogrammo, o 0.03 mg per chilogrammo a intervalli di 8 settimane o infusioni di 0.1 mg per chilogrammo o 0.3 mg per chilogrammo a intervalli di 12 settimane.

Gli effetti collaterali di Mogamulizumab non hanno limitato la somministrazione fino alla dose massima ( 0.3 mg per chilogrammo ).
Gli effetti indesiderati più frequenti sono stati rash di grado 1 o 2 ( nel 48% dei pazienti ) e linfopenia e leucopenia ( ciascuno nel 33% dei pazienti ).

La riduzione dose-dipendente del carico provirale nelle cellule mononucleate del sangue periferico ( diminuzione entro il giorno 15 del 64.9% ) e marcatori infiammatori nel liquido cerebrospinale ( diminuzione entro il giorno 29 del 37.3% nel livello di CXCL10 e del 21.0% nel livello di neopterina ) è stata mantenuta con ulteriori infusioni durante lo studio di fase 2a.

Una riduzione della spasticità è stata osservata nel 79% dei pazienti e una diminuzione della disabilità motoria nel 32%.

Mogamulizumab ha ridotto il numero di cellule infette da HTLV-1 e i livelli di marcatori infiammatori.
Il rash è stato il principale effetto collaterale.
Gli effetti di Mogamulizumab su HAM-TSP clinica devono essere chiariti in studi futuri. ( Xagena2018 )

Sato T et al, N Engl J Med 2018; 378: 529-538

MalRar2018 Med2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro