Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto di diversi regimi di dosaggio dei corticosteroidi sugli esiti clinici nei ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne


I corticosteroidi migliorano la forza e la funzione nei ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne. Tuttavia, vi è incertezza riguardo al regime e al dosaggio ottimali.

Sono state confrontate l'efficacia e gli effetti avversi di tre regimi di corticosteroidi più frequentemente prescritti nei ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne in uno studio clinico randomizzato in doppio cieco, a gruppi paralleli, che ha incluso 196 ragazzi di età compresa tra 4 e 7 anni affetti da distrofia muscolare di Duchenne che non erano stati precedentemente trattati con corticosteroidi; l'arruolamento è avvenuto tra 2013 e il 2016 in 32 centri clinici in 5 Paesi.
I ragazzi sono stati valutati per 3 anni ( ultima visita dei partecipanti nel 2019 ).

I partecipanti sono stati randomizzati a Prednisone giornaliero ( 0.75 mg/kg ) ( n=65 ), Deflazacort giornaliero ( 0.90 mg/kg ) ( n=65 ) o Prednisone intermittente ( 0.75 mg/kg per 10 giorni e poi 10 giorni off ) ( n=66 ).

L'esito primario globale comprendeva 3 endpoint: aumento della velocità nell’alzarsi da terra ( alzarsi / secondi ), capacità vitale forzata ( in litri ) e soddisfazione globale dei partecipanti o dei genitori per il trattamento misurata mediante il questionario TSQM ( Treatment Satisfaction Questionnaire for Medication; intervallo di punteggio, da 0 a 100 ), ciascuno mediato in tutte le visite di studio dopo il basale.
I confronti di gruppo a coppie hanno utilizzato un livello di significatività corretto per Bonferroni di 0.017.

Tra i 196 ragazzi randomizzati ( età media, 5.8 anni ), 164 ( 84% ) hanno completato lo studio.

Sia il Prednisone giornaliero che il Deflazacort giornaliero sono risultati più efficaci del Prednisone intermittente per l'esito primario ( P minore di 0.001 per il Prednisone giornaliero rispetto al Prednisone intermittente utilizzando un test globale; P=0.017 per il Deflazacort giornaliero rispetto al Prednisone intermittente utilizzando un test globale ) e i regimi giornalieri non differivano in modo significativo ( P=0.38 per Prednisone giornaliero versus Deflazacort giornaliero utilizzando un test globale ).

Le differenze tra i gruppi erano principalmente attribuibili alla velocità nell’alzarsi da terra di base ( 0.06 alzarsi / secondi per Prednisone giornaliero vs Prednisone intermittente, P=0.003; 0.06 alzarsi / secondi per Deflazacort giornaliero vs Prednisone intermittente, P=0.017; e -0.004 alzarsi / secondi per Prednisone giornaliero vs Deflazacort giornaliero, P=0.75 ] ).

I confronti a coppie per la capacità vitale forzata e il punteggio della sottoscala di soddisfazione globale TSQM non sono stati statisticamente significativi.

Gli eventi avversi più comuni sono stati il ​​comportamento anomalo ( 22, 34%, nel gruppo Prednisone giornaliero, 25, 38%, nel gruppo Deflazacort giornaliero e 24, 36%, nel gruppo Prednisone intermittente ), infezioni delle vie respiratorie superiori ( 24, 37%; 19, 29%, e 24, 36%, rispettivamente ) e vomito ( 19, 29%; 17, 26%, e 15, 23% ).

Tra i pazienti con distrofia muscolare di Duchenne, il trattamento con Prednisone giornaliero o Deflazacort giornaliero, rispetto al Prednisone intermittente alternato 10 giorni on e 10 giorni off, ha determinato un miglioramento significativo in 3 anni in un esito composito comprendente misure di funzione motoria, funzione polmonare e soddisfazione per il trattamento; non c'è stata alcuna differenza significativa tra i 2 regimi giornalieri di corticosteroidi.

I risultati supportano l'uso di un regime giornaliero di corticosteroidi rispetto al regime intermittente di Prednisone testato in questo studio come trattamento iniziale per i ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne. ( Xagena2022 )

Guglieri M et al, JAMA 2022; 327: 1456-1468

MalRar2022 Med2022 Neuro2022 Pedia2022 Farma2022



Indietro