Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Caratteristiche cliniche ed esiti dei pazienti con sindrome di Shwachman-Diamond e sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta


I dati per informare la sorveglianza e il trattamento delle sindromi con predisposizione alla leucemia sono scarsi e le raccomandazioni si basano ampiamente sull'opinione di esperti.
Sono state studiate le caratteristiche cliniche e gli esiti dei pazienti con sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta e sindrome di Shwachman-Diamond, una malattia ereditaria da insufficienza midollare con alto rischio di sviluppare neoplasie mieloidi.

È stato condotto uno studio di coorte multicentrico, retrospettivo, in collaborazione con il North American Shwachman-Diamond Syndrome Registry.
Sono state esaminate le cartelle cliniche dei pazienti di 17 Centri negli Stati Uniti e in Canada.
Pazienti con una genetica ( mutazioni bialleliche nel gene SBDS ) o diagnosi clinica ( citopenie e disfunzione pancreatica ) della sindrome di Shwachman-Diamond che hanno sviluppato la sindrome mielodisplastica o la leucemia mieloide acuta erano ammissibili senza ulteriori restrizioni.

Le cartelle cliniche sono state riviste tra il 2001 e il 2017. È stata eseguita una revisione centrale della patologia del midollo osseo se disponibile per confermare la diagnosi di leucemia o la sindrome mielodisplastica. Sono state descritte le caratteristiche cliniche e la sopravvivenza globale ( OS ) di questi pazienti.

Inizialmente sono stati identificati 37 pazienti con sindrome di Shwachman-Diamond e sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta.
27 pazienti avevano campioni disponibili per la revisione centrale della patologia e sono stati riclassificati di conseguenza ( diagnosi centrale in accordo con diagnosi locale in 15 casi, 56% ), 10 non avevano campioni disponibili e sono stati classificati in base ai dati di revisione locali, e 1 paziente è stato escluso in questa fase come non-ammissibile.

Sono stati inclusi nell'analisi 36 pazienti, di cui 10 ( 28% ) inizialmente presentavano leucemia mieloide acuta e 26 ( 72% ) inizialmente presentavano sindrome mielodisplastica.

Con un follow-up mediano di 4.9 anni, la sopravvivenza globale mediana per i pazienti con sindrome mielodisplastica è stata di 7.7 anni e 0.99 anni per i pazienti con leucemia mieloide acuta.

La sopravvivenza globale a 3 anni è stata dell'11% per i pazienti con leucemia e del 51% per i pazienti con sindrome mielodisplastica.
La gestione e sorveglianza sono state variabili. 18 su 26 pazienti ( 69% ) con sindrome mielodisplastica hanno ricevuto una terapia iniziale ( 14 trapianto di cellule staminali ematopoietiche e 4 chemioterapia ), 4 pazienti ( 15% ) non hanno ricevuto alcun trattamento, 2 ( 8% ) non avevano dati disponibili e 2 ( 8% ) hanno sviluppato leucemia mieloide acuta prima di ricevere il trattamento.

12 pazienti hanno ricevuto un trattamento per la leucemia mieloide acuta, inclusi i 2 pazienti inizialmente diagnosticati con leucemia mielodisplastica che sono progrediti, 2 ( 16% ) hanno ricevuto trapianto di cellule staminali ematopoietiche come terapia iniziale e 10 (83%) hanno ricevuto la chemioterapia con l'intenzione di procedere con trapianto HSCT.

33 pazienti su 36 ( 92% ) ( 8 su 10 con leucemia e 25 su 26 con sindrome mielodisplastica ) erano noti per avere la sindrome di Shwachman-Diamond prima dello sviluppo di una malignità mieloide e hanno potuto essere monitorati con la sorveglianza del midollo osseo.

La sorveglianza del midollo osseo prima della diagnosi di malignità mieloide è stata effettuata in 3 pazienti su 9 ( 33% ) con leucemia per i quali è stato confermato lo stato di sorveglianza e 11 pazienti su 24 ( 46% ) con sindrome mielodisplastica.

I pazienti monitorati hanno avuto una sopravvivenza globale a 3 anni del 62% ( n=14 ) rispetto al 28% ( n=19; P=0.13 ) senza sorveglianza.
6 su 15 pazienti ( 40% ) con dati longitudinali disponibili hanno sviluppato la sindrome mielodisplastica nel contesto di conte ematiche stabili.

I risultati hanno indicato che la prognosi è sfavorevole per i pazienti con sindrome di Shwachman-Diamond e sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta a causa sia della malattia resistente alla terapia sia delle tossicità correlate al trattamento.

Sono necessari algoritmi di sorveglianza e strumenti di stratificazione del rischio migliori, studi sull'evoluzione clonale e studi prospettici per informare efficaci strategie di prevenzione e trattamento per la predisposizione alla leucemia nei pazienti con sindrome di Shwachman-Diamond. ( Xagena2020 )

Myers KC et al, Lancet Haematology 2020; 7: 238-246

Emo2020 Onco2020 MalRar2020 Med2020



Indietro